Ecco perchè lo smartphone potrebbe scomparire presto

Proprio così: lo smartphone potrebbe scomparire allo stesso modo del fax e dei cercapersone molto prima di quanto pensiate.

Ma niente paura: prima che i nostri cellulari subiscano un crollo significativo di qualsivoglia tipo manca perlomeno un decennio.

Fatto sta che, poco alla volta, Facebook, Amazon e Elon Musk stanno gettando le basi per la scomparsa dello smartphone.

Ma come sarà il mondo quando lo smartphone sarà definitivamente morto? Sicuramente mai più come prima. E parliamo soprattutto del modo in cui si svolgeranno quotidianamente le nostre vite.

Di seguito un’analisi del processo e una visione di come potrebbe apparire il mondo senza smartphone.

Conseguenze nel breve termine

Tendenzialmente siamo portati a pensare che lo smartphone sia un dispositivo rivoluzionario – grazie alla sua portabilità, alla potenza che gli permette di gestire sempre più applicazioni e tasks, alla dotazione di sensori GPS.

Ora provate invece a considerarlo come un PC senza mouse e tastiera, dotato esclusivamente di un input virtuale sensibile al tocco.

E ancora, considerate gli ultimi modelli Samsung e iPhone come dispositivi migliorati, non rivoluzionari.

In quest’ottica, l’unica novità significativa sembrerebbe essere l’implementazione di un assistente virtuale che presto ci permetterà di controllare il nostro smartphone col solo ausilio di comandi vocali.

Nel frattempo, Amazon Echo, Apple Watch e PlayStation VR cominciano a godere di un discreto successo e sempre più aziende e startup sperimentano e investono in nuove interfacce informatiche.

Medio termine

Tutte queste tecnologie ora in fase sperimentale prenderanno forma. Facebook, Google, Microsoft, Apple e Magic Leap stanno lavorando per creare delle cuffie autonome per la realtà aumentata, in grado di proiettare immagini 3D all’interno dei nostri occhi.

Una recente dichiarazione di Alex Kipman (Microsoft) suggerisce, infatti, che la realtà aumentata potrebbe sostituire qualsiasi dispositivo informatico dotato di uno schermo.

Ciò significherebbe un dispositivo in grado di sovrapporre film, giochi e telefonate al mondo come lo conosciamo finora.

Detto così fa sicuramente un pò paura.

Le principali aziende tecnologiche promettono un futuro in cui mondo fisico e digitale si mescolano per divenire la stessa cosa.

Lungo termine

Elon Musk e la sua società Neuralink stanno lavorando con l’obiettivo di impiantare un computer nel nostro cervello per mezzo della “stringa neurale”, una tecnologia costruita nella nostra testa per collegarla ad un computer.

Questo passaggio potrebbe andare ben oltre a quello della fusione dei mondi fisici e digitali, permettendo all’umano e alla macchina di divenire una sola cosa. Se pensiamo allo smartphone e alla realtà aumentata come a portali di accesso ad informazioni, il mettere stringhe neurali nel nostro cervello è un processo logico che colma il divario.

Articolo ed immagine tratta da: Business Insider Italia

Ecco perchè lo smartphone potrebbe scomparire presto ultima modifica: 2017-04-10T15:59:35+00:00 da Please Local Marketing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *